#25aprilefemminista #bandite

La rete NON UNA DI MENO di Milano attraverserà con la sua presenza la giornata del 25 aprile.

La rete NON UNA DI MENO di Milano attraverserà con la sua presenza la giornata del 25 aprile.

La LIBERAZIONE è femminista o non lo è

il 25 aprile, a Milano, lo diremo e ti invitiamo a farlo. Come?

Continua a leggere “#25aprilefemminista #bandite”

Basta violenza nei tribunali contro le donne

12 aprile presidio il davanti al Tribunale di Milano per denunciare l’inadeguatezza delle modalità processuali e la mancanza di preparazione di giudici e tribunali nel tutelare le vittime dei reati di violenza.

“Basta violenza nei tribunali contro le donne”

12 aprile 2017, ore 12, Palazzo di Giustizia di Milano, Corso di Porta Vittoria 

Presidio della rete Non una di meno Milano

Scarica il Comunicato stampa

L’iniziativa prende spunto dalla sentenza emessa il 15 febbraio 2017 dalla giudice Diamante Minucci che assolve con formula piena Massimo Raccuia, con la motivazione che la donna che lo ha denunciato per violenza e stupro avrebbe detto “basta”, ma senza urlare. Continua a leggere “Basta violenza nei tribunali contro le donne”

Appuntamenti 4 – 12 aprile

Tavoli tematici
1. Salute sessuale e riproduttiva | Martedì 4 aprile, ore 19, LUD – Libera Università delle Donne, Corso di Porta Nuova 32 (MM2 Moscova o MM3 Turati)
2. Narrazione della violenza attraverso i media | Mercoledì 5 aprile, ore 19, CADMI – Casa di Accoglienza delle Donne Maltrattate, Via Piacenza 14 (MM3 Porta Romana, tram 9)
3. Percorsi di fuoriuscita dalla violenza | Giovedì 6 aprile, ore 18, CADMI – Via Piacenza 14 (MM3 Porta Romana, tram 9)
4. Giuridico e legislativo | Giovedì 6 aprile, ore 19, CADMI – Via Piacenza 14 (MM3 Porta Romana, tram 9)
5. Lavoro e welfare | Giovedì 6 aprile, ore 20.30, SMS – Piazzale Stuparich 18 (MM1 Lotto, Autobus 90-91)
6. Femminismi e migrazioni | Domenica 9 aprile, ore 16.30, RiMake, via Astesani 47 (MM3 Affori FN)
7. Educazione e formazione | Lunedì 10 aprile, ore 15, LUD – Libera Università delle Donne, Corso di Porta Nuova 32 (MM2 Moscova o MM3 Turati)
Altri appuntamenti pre-Roma
Gruppo di lavoro 25 aprile
Venerdì 7 aprile, ore 20.30, Università degli Studi di Milano, Via Festa del Perdono, 7 (MM3 Missori)
 
Assemblea pre- Roma
Mercoledì 12 aprile, ore 19, Unione Nazionale Femminile – Corso di Porta Nuova, 32 (MM2 Moscova o MM3 Turati)
 
***
 
Assemblea nazionale
Roma, 22-23 aprile

La marea non si arresta: 26 marzo assemblea pubblica

LottoMarzo abbiamo smosso un sacco di energia: vi aspettiamo quindi numeros* alla prima assemblea post-evento per proseguire nel percorso Non Una Di Meno con nuove idee e tanta voglia di fare.

Ci vediamo domenica 26 marzo alle 14:30 presso Casa delle Donne, via Marsala 8, Milano
Qui il link all’evento facebook.

Tanti sono i temi da affrontare:
– breve introduzione del percorso già svolto, per non lasciare indietro nessuna;
– discussione di valutazione collettiva e politica della giornata LottoMarzo;
– obiettivi e tappe che ci aspettano: come ci prepariamo alla prossima assemblea nazionale che si terrà a Roma?
– Aviazione tavoli di lavoro per proseguire con la scrittura del piano antiviolenza.

La marea cresce, non mancate!

Vedi report assemblea

Tutt* alla rai contro sessismo e razzismo in TV

Presidio della rete Non una di meno Milano contro sessismo e razzismo in TV

Mercoledì 22 marzo, ore 17.00, sede Rai, Corso Sempione 27 Milano

Lo scorso sabato pomeriggio è andata in onda su Rai1, la principale rete del servizio pubblico italiano, una puntata di Parliamone sabato con un servizio intitolato: “La minaccia arriva dall’est. Gli uomini preferiscono le straniere. Sono rubamariti o mogli perfette?”. La polemica pubblica scatenatasi sui social network, per via dei contenuti e dei linguaggi particolarmente sessisti, razzisti e discriminatori, ha portato alla chiusura della trasmissione condotta da Paola Perego, per decisione del direttore Rai Antonio Campo Dall’Orto.

A distanza di soli 10 giorni dallo sciopero globale delle donne contro la violenza di genere, la rete Non Una Di Meno condanna ancora una volta la violenza mediatica insita nell’utilizzo di linguaggi sessisti, misogini e razzisti, che sono specchio di un pensiero che considera ancora le donne come esseri inferiori e figure ancillari rispetto all’uomo. Denunciamo la rappresentazione stereotipata di uomini e donne che la trasmissione ha messo in scena, ma che non costituisce un caso isolato. Tali rappresentazioni non restituiscono né rispettano la complessità dei soggetti reali, uomini e donne incluse.

La chiusura del programma “Parliamone sabato” è un atto doveroso, ma non sufficiente, così come non sono sufficienti le scuse da parte della presidente Rai, Monica Maggioni, e del direttore di Rai1, Andrea Fabiani, avvenute via twitter. Il pubblico di Rai1 del sabato pomeriggio non è raggiunto da twitter, dal web e dai social network, pertanto le scuse devono avvenire attraverso un canale che consenta di raggiungere anche quel pubblico.

La Rai è un servizio per cui i cittadini e le cittadine italiane pagano un canone, chiediamo pertanto che la qualità dei programmi e dell’informazione trasmessa sia adeguata alla spesa che il servizio televisivo costituisce per lo stato e alla missione di utilità pubblica cui deve attendere. La manifestazione di Roma del 26 novembre è stata ignorata e lo sciopero dell’8 marzo avvenuto in più di 50 paesi del mondo è stato sottovalutato. Accanto al problema della disinformazione vi è quello, altrettanto colpevole, del silenzio, trattamento spesso riservato al femminismo e alle soggettività che esprimono una voce non allineata al sistema culturale e sociale vigente.

Chiediamo anche che la Commissione di Vigilanza Rai e l’Ordine dei giornalisti svolgano il ruolo cui sono preposti, di verifica e controllo dell’informazione e dei programmi televisivi trasmessi.

Il linguaggio sessista e razzista alimenta un’immagine sociale degradata delle donne e nutre in questo modo la cultura della violenza. Non siamo disposte a tollerare nulla del genere: vogliamo narrazioni e linguaggi differenti, che siano inclusivi e rispettosi di tutte le soggettività.

Per questi motivi abbiamo organizzato il presidio davanti allo studio Rai di Milano mercoledì alle ore 17.

Comunicato stampa

Verità e giustizia per Argentina e Guatemala. 16 marzo in Darsena a Milano

Lotto Marzo continua, vogliamo verità e giustizia!

Torniamo in piazza per manifestare

solidarietà alle donne picchiate dalla polizia e arrestate in Argentina e per chiedere giustizia delle 40 bambine e ragazze guatemalteche uccise dalla violenza di stato.

Due eventi accaduti proprio l’8 marzo, nella giornata di mobilitazione globale contro femminicidi e violenza di genere.

Giovedì 16 marzo 2017, ore 18.00

Coro Resistente e Comitato Solidale zona 8 con rete Non una di meno Milano invitano a riunirsi in Darsena, vicino a uno dei luoghi frequentati dalla comunità latinoamericana a Milano, il Mercato comunale.

#FeminicidioEstatal #FueElEstado #Guatemala #NiUnaMenos

Notizie sui fatti in Guatemala:

https://cmiguate.org/misoginia-hogar-inseguro-e-irresponsabilidad-estatal/

http://laculturanuestra.com/nuestros-cuerpos-no-se-queman-pronunciamiento-feminista-guatemalteco-ante-fallecimiento-de-ninas-y-jovenes-en-el-hogar-seguro/

https://nomada.gt/las-razones-del-amotinamiento-de-las-ninas-del-hogar-seguro/