Verona arriviamo: NUDM Milano viaggia in treno!

Sabato 30 marzo raggiungeremo insieme Verona viaggiando in treno.
Ci troviamo alle ore 8.10 già munite di biglietto davanti al Bar Centrale della stazione centrale (al piano dei binari) per prendere il treno delle 8.25. Ci riconoscerai grazie al panuelo fuxia (se hai il panuelo, portalo!). *Il costo della singola tratta è € 12,75. L’acquisto dei biglietti del treno sarà a carico delle singole persone. Consigliamo di procurarselo in anticipo in biglietteria o sul sito Trenitalia. Per particolari necessità economiche, scriveteci! Non si lascia indietro nessun@!

08:25 – 10:15 Andata: Milano centrale – Verona Porta Nuova

18:45 – 20:35 Ritorno: Verona Porta Nuova – Milano Centrale

Ma perché Verona e cosa succede?

Dal 29 al 31 marzo si terrà nella città veneta il Congresso Mondiale delle Famiglie (World Congress of Families, WCF), promosso da organizzazioni ultrareazionarie che vogliono riproporre un modello antico di famiglia, che ruota attorno al perno della donna-madre dedita alla cura dei figli e del marito. Nessuno spazio per l’omosessualità e le famiglie arcobaleno, nessuno spazio per reti affettive alternative alla famiglia mononucleare fondata su legami di sangue. Molto spazio invece ai più feroci oppositori del diritto all’aborto libero e sicuro e molto spazio anche al razzismo di coloro che sostengono la necessità della riproduzione della “razza bianca”.

Al Congresso mondiale delle famiglie parteciperanno il vicepresidente del consiglio e ministro dell’Interno Matteo Salvini, il ministro per la Famiglia Lorenzo Fontana, il ministro dell’Istruzione Marco Bussetti, il senatore della Lega Simone Pillon, il presidente della regione Veneto Luca Zaia, il sindaco di Verona Federico Sboarina, la presidente di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni, il presidente del Family Day Massimo Gandolfini. Ci saranno inoltre esponenti politici di governi dove l’omosessualità è reato o viene perseguita, dove l’aborto è illegale o dove vengono sistematicamente presentati progetti di legge per renderlo tale, come in Polonia.

In questo momento sono sotto attacco tutti i diritti conquistati dalle donne: il divorzio, l’aborto e la riforma del diritto di famiglia. A questa ondata reazionaria, rispondiamo con la forza del nostro movimento femminista transnazionale!

Qui il programma dettagliato della 3 giorni organizzata da Non Una di Meno.

25 marzo – Aborto e Congresso mondiale della famiglia di Verona: documentario

Non Una di Meno presenta a Milano

Aborto – Le Nuove Crociate

Un documentario per capire chi sono e cosa vogliono le reti reazionarie che si riuniranno a Verona per il Congresso mondiale della famiglia

Lunedì 25 marzo 2019, 20:30, Casa della Memoria, via Federico Confalonieri 14, Milano

L’inchiesta Aborto – Le Nuove Crociate racconta ciò che avviene in Spagna, Portogallo, Ungheria, Polonia, Francia e Italia svelando il dietro le quinte della lobby internazionale anti-abortista, dagli Stati Uniti alla Russia.

Il documentario sarà proiettato ad ingresso libero alla Casa della Memoria di Milano, alle 20.30 del 25 marzo, in vista del Congresso mondiale delle famiglie che si terrà a Verona dal 29 al 31 marzo e della tre giorni transfemminista organizzata in contemporanea dalla rete Non una di meno, estesa su tutta Italia.

“È importante conoscere le reti reazionarie che hanno organizzato il Congresso di Verona, per interrogarci insieme su come reagire e quali strumenti si possono usare per difendersi”, affermano le attiviste di Non una di meno Milano che hanno sottotitolato in italiano il documentario in collaborazione con Elena Iannone, giornalista che ha curato la parte del Nord Italia.

Continua a leggere “25 marzo – Aborto e Congresso mondiale della famiglia di Verona: documentario”

Assemblea NUDM – 13 marzo, 19:30

Dopo questo potente 8 marzo vi invitiamo alla prossima assemblea che si svolgerà mercoledì 13 marzo a partire dalle ore 19.30 (inizio ore 20) presso l’Unione Femminile (corso di porta nuova, 32). Questa volta saremo nella sala grande a piano terra.

Non ci sarà la possibilità di cenare, per cui ognun* dovrà provvedere per sé. Al termine dell’assemblea (non più tardi delle 23), l’Unione Femminile ci ricorda di non sostare nel cortile e di non lasciare mozziconi di sigarette a terra.